Sulla federazione degli autori

Da qualche settimana si sente parlare molto di cambiamenti e nuove aggregazioni nell’ambito delle associazioni degli autori di cinema e dell’audiovisivo.

L’ANAC, che negli ultimi anni  ha tentato di proporre più  volte un impianto federativo, identificando in particolare alcuni punti sui quali condurre un’azione unitaria ( creazione del Centro Nazionale del Cinema e dell’ audiovisivo,  rafforzamento  del diritto d’autore per lo sfruttamento delle opere sul Web e le piattaforme,  questioni previdenziali, riequilibrio della legge Franceschini…) non può che accogliere con favore questo fermento ed è disponibile a confrontarsi con tutti.

Ma, come sempre avviene quando si  tenta di calare dall’alto scelte prese da un’ elite, l’ANAC teme che se non si avvii un franco dibattito preliminare, nel quale si identifichino le distorsioni normative che hanno condotto all’attuale situazione di egemonia  dei grandi gruppi dell’industria dell’ audiovisivo a discapito  dei creativi e della produzione indipendente,  ogni tentativo di aggregazione, seppur  condotto con la massima buona volontà, rischia di riproporre sotto altra forma l’esistente  e diventare l’alibi ad un cambiamento solo di facciata.

16/11/2021 - ANACronista
ANAC

Roma, via Montello 2 – 00195

© ANAC

Codice fiscale: 97010300586