19° edizione Asiatica Film Festival – programma e crowdfunding

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la lettera del direttore artistico di Asiatica Italo Spinelli

Care amiche e amici,

Quest’anno la 19^ edizione di Asiatica Film Festival, che si svolgerà dal 4 al 10 ottobre al Cinema Nuovo Sacher, porterà in rassegna circa 30 film asiatici inediti in Italia e in Europa. Presso lo spazio adiacente al Cinema Nuovo Sacher, il palazzo WeGil, verranno ospitati numerosi eventi e personalità del mondo della cultura, esperti del mondo asiatico.

Nel duemila fu programmato il primo incontro con il cinema asiatico a Roma, la manifestazione promossa e organizzata dalla società cooperativa JCI ( Joint Cultural Initiatives) è considerata tra i festival più autorevoli del cinema asiatico in Italia.

Dal 2016 la manifestazione si è svolta solo grazie ai suoi sostenitori e al suo pubblico, la cui solidarietà e partecipazione hanno confermato il valore del festival. Nonostante le difficoltà e i drammatici tagli economici continuiamo a svolgere il nostro lavoro, anche ad agosto, per completare, con il vostro sostegno, il programma di cui vogliamo darvi alcune anticipazioni. In questa edizione, verrà posta particolare attenzione alle tematiche di grande attualità quali le migrazioni, la violazione dei diritti umani e narrazioni che riguardano i rapporti genitori\ figli e uomo \ donna, storie d’amore e di speranza, la condizione della donna raccontata dalle molte opere dirette da giovani registe.

Nella seleziona già confermata ci muoveremo in uno spazio vasto, dalla Turchia con “More” di Onur Saylak: l’amara ironia di un uomo spietato che traffica con i rifugiati scappati da situazioni terribili, ma che hanno ancora la speranza di raggiungere una vita migliore, all’Iran, presente oltre che con la fiction, con vari documentari, tra cui “Women with Gunpowder Earrings” di Reza Farahmand: Noor Al Helli, giornalista irachena nelle zone di guerra dell’Isis per intervistare le famiglie, in particolare le donne dei combattenti dell’Isis; “Finding Farideh” di Kourosh Ataei e Azadeh Mousavi; “About the Salesman”, backstage del film di Asghar Farhadi “Il Cliente” e “24 frames” omaggio al maestro Abbas Kiarostami.

Per approfondire lo sguardo verso la Cina, il paese più popoloso del mondo, il 5 ottobre presso il WeGil ci sarà l’incontro con Alberto Bradanini, Ambasciatore italiano in Cina dal 2013 al 2016. Attraverso il suo nuovo libro “Oltre la muraglia”, si discuterà degli aspetti dell’evoluzione politica, economica, sociale e culturale del paese e delle relazioni che intrattiene con l’Europa.

Dalle tre Cine “A Family Tour” di Ying Liang, storia di una famiglia cinese divisa tra Hong Kong e la Repubblica popolare che organizza un viaggio a Taiwan per riunirsi. Una geografia politica complicata che si fa anche geografia familiare di vite sospese e precarie.

Continuiamo il percorso attraverso il Centro Asia, il Kirghizistan di “Suleiman Mountain” di Yelisaveta Stishova, un racconto che intreccia suggestioni provenienti da un luogo sacro nella millenaria tradizione sciamanica – che non è stata scalfita né dall’ateismo sovietico ne dalla religione musulmana – con tratti intimi e amari di una sofferta catarsi familiare. la Georgia di Mariam Khatchavni con il film “Dede”: dalle montagne del Caucaso una donna e tre uomini sfidano le dure tradizioni centenarie.

Scendendo, verso Singapore, “A Land Imagined” di Yeo Siew Hua, un’indagine per ritrovare un uomo scomparso nel mondo del caporalato di un’attualissima realtà asiatica, film vincitore del Pardo d’oro della settantunesima edizione del Festival di Locarno.

Dal Giappone “Passage of Life” di Akio Fujimoto, film basato su una storia vera di una famiglia Burmese che vive a Tokyo dopo essere immigrata nel paese senza permesso di soggiorno, come fecero altri in seguito alla rivolta democratica alla fine degli anni ottanta in Birmania. Del Giappone, l’8 ottobre parlerà lo scrittore Giorgio Amitrano, traduttore dei grandi autori giapponesi Murakami, Yoshimoto e Mishima, professore di Lingua e cultura del Giappone presso l’Università “L’Orientale” di Napoli, Direttore dell’Istituto Culturale Italiano a Tokio, accademico esperto di lingua e letteratura giapponese. Durante l’incontro presenterà il suo libro “Iro Iro – Il Giappone tra pop e sublime”: un volume che racchiude la bellezza unica del Giappone e della sua cultura, attraverso gli occhi e l’esperienza del professore stesso.

Asiatica propone non solo lungometraggi e documentari ma anche cortometraggi: vincitore della Palma d’Oro per i cortometraggi a Cannes, “A Gentle Night” di Qiu Yang; storia ambientata in una città della Cina dove una madre cerca per tutta la notte sua figlia scomparsa

E ancora l’India, presente con film e presentazione del libro “ Cronache indiane” di Carlo Buldrini, la Cambogia, la Thailandia, fiction e documentari che mostrano la straordinaria complessità del continente asiatico dove s’intrecciano paesi e visioni che possiamo apprezzare grazie al cinema.

Come già anticipato sopra, presso il palazzo adiacente WeGil avranno luogo incontri e presentazioni di libri, ma anche eventi enogastronomici con cucina orientale di qualità. Inoltre, ci saranno performance di artisti provenienti dall’Asia, video installazioni e Panel. Mercoledì 3 ottobre opening con spettacolo di danza mistica persiana (Sufi), con la danzatrice Zeinabkhatoon Ghalazade accompagnata dall’ensemble Anahita e degustazione di ravioli cinesi del ristorante Dampling con cocktail, un Opening a cui siete tutti invitati.

Tra gli altri ospiti presenti ad Asiatica Film Festival ci saranno: la casa editrice “Orientalia” specializzata in orientalistica che allestirà un punto vendita dei libri che verranno presentati e altri relativi all’Asia; la video installazione di Mohsen Rastan “Iranian Family Project”; Negar Eskandarfar, direttrice della scuola di cinema di Teheran – dove hanno insegnato Abbas Kiarostami e Asghar Farhadi – terrà un seminario con proiezione di cortometraggi realizzati dagli studenti della scuola. E non mancheranno altri incontri con i registi ospiti, produttori e distributori e critici cinematografici italiani.

E questo è solo un assaggio di quello che vogliamo proporvi, ma continueremo a tenervi aggiornati su nuovi titoli ed eventi in programma.

Se ritieni Asiatica un appuntamento importante nel panorama culturale romano con la sua storia lunga e ricca di significato, ti preghiamo di aderire al nostro appello, compatibilmente con le tue convinzioni e le tue possibilità, utilizzando il Conto Corrente (21566) :

IBAN IT35X0103003283000002156621

Bic\Swift PASCITM1A25

Intestato a: JOINT CULTURAL INITIATIVES.

Causale: Sostengo Asiatica

Monte dei Paschi di Siena

Roma Filiale 8684 – Via del Corso 297a 00186 Roma RM

Altrimenti attraverso la piattaforma di crowdfunding n.1 in Europa Ulule al seguente link: https://it.ulule.com/asiatica-film-festival/

Ti ringraziamo del sostegno che darai e di quello che comunque hai dato in tutti questi anni.

Con la speranza e la promessa di vederci presto, al cinema Nuovo Sacher e all’Opening night del 3 ottobre, ti auguriamo buone vacanze con i nostri più cari saluti.

 

Il Direttore Artistico e il Team di Asiatica. (http://www.asiaticafilmfestival.com/ita/)

ANAC

Roma, via Montello 2 – 00195

© ANAC

Codice fiscale: 97010300586